Jimmy Marathy - STELLA HOMES
 

Jimmy Marathy

CIMG0738.JPG
La persona alla quale, più di ogni altra, dobbiamo dire infinitamente grazie.

Jimmy (vero nome Marathy Pradeep Kumar Sathidananda) è stato presente nel progetto sin dall'inizio, anzi.

L'idea stessa è nata insieme a lui, in base ai suoi racconti e alle sue testimonianze della situazione in Sri Lanka nei giorni dopo lo Tsunami.

Papà nel 2005 lo conosce e ne viene conquistato, colpito dalla sua sensibilità e dai modi gentili.

Insieme hanno presentato a incontri e convegni per raccogliere ulteriori fondi e sensibilizzare l'opinione pubblica milanese sulle dimensioni del disastro.

Grazie a lui abbiamo individuato il sito, trovato chi potesse costruire le case una prima volta, mantenuto i contatti con la squadra di operai, inviato i soldi in Sri Lanka.

Quando papà è mancato mi ha giurato che avremmo portato a termine tutto. Lui a papà lo aveva promesso, e una promessa fatta è una promessa da onorare.

Tramite lui abbiamo saputo che il sito era stato abbandonato a causa della guerra.
Di nuovo grazie a lui abbiamo trovato la seconda squadra a cui assegnare il compito della ricostruzione e individuato un notaio a Colombo che firmasse l'accordo.

Insieme abbiamo mantenuto i contatti con Surendra e il suo team durante le delicate fasi di costruzione dell'inverno 2008.

Ancora grazie a Jimmy siamo riusciti a mettere una targa per papà all'ingresso del villaggio, e a organizzare il viaggio del 2009 per portare la mamma - e papà con lei - a Thirukkovil, a celebrare la fine dei lavori.

Ha tessuto in silenzio la tela anche nei momenti più difficili, e si è fatto carico di responsabilità importanti.

Un fratello e una persona dal cuore gigantesco.

Grazie Jimbo!